Google

sabato 15 marzo 2008

Silvio e la barzelletta sugli ebrei

Silvio Berlusconi ama le barzellette e non rinuncia mai a racontarle. E anche oggi, incontrando l'associazione "Amici ebrei di Libia", non ha resistito alla tentazione. Sul finire dell'incontro a Palazzo Grazioli, secondo quanto
riferito da uno dei presenti, uno degli esponenti dell'associazione ha fatto una battuta. L'ex premier ha colto la palla al balzo ed ha risposto con una delle sue barzellette, sottolineando che gli era stata raccontata dall'ambasciatore d'Israele.
«Un ebreo va dal suo rabbino e gli dice: "Devo confessarti che durante la guerra ho nascosto una persona...". "Bravo", è la risposta del rabbino. "Sì - lo interrompe l'ebreo - ma gli ho fatto pagare mille dollari al giorno". "Così tanto? Vabbè,
comunque sia ti assolvo". "Grazie, ma secondo te - aggiunge l'ebreo - gli devo dire che la guerra mondiale è finita?"». Una barzelletta accolta con una risata dai presenti.

Poi poco prima di lasciare Palazzo Grazioli la foto di gruppo. E Berlusconi fa un'altra battuta: «La foto la faccio, ma solo con le donne. Io mi chiamo Silvio, ma Berlusconi non come l'altro Silvio...», un riferimento implicito a Sircana, portavoce del governo Prodi.

1 commento:

morgan ha detto...

Berlusconi, carisma clownesco

ieri visitstando una mostra al Migrosmuseum di Zurigo sono stato colpito da una saponetta esposta come un gioiello prezioso. In realtà non si tratta di una semplice saponetta ma di un’opera d’arte, chiamata, udite udite: « Mani pulite »
Secondo l’autore (l’artista Italiano Gianni Motti » è stata realizzata con il grasso della liposuzione del premier Silvio Berlusconi in occasione di un’operazione di lifting in una clinica svizzera.
Liposuzione, lifting, trapianti di capelli, ceroni, reti televisive, carisma clownesco:
elementi essenziali del telepolitico.

http://www.migrosmuseum.ch/en/exhibitions/exhibition-details/?tx_museumplus%5Bexhib%5D=458&cHash=5cfd56c67856f1ea5ae899305bc48ad4